Le menzogne e la verità del Ministro (la nuova tabella nazionale delle macropermanenti)

Ieri, dopo l’approvazione del Consiglio dei Ministri dello schema di DPR recante la “Tabella delle menomazioni all’integrità psicofisica comprese fra 10 e 100 punti“, che disciplina il risarcimento del danno non patrimoniale per lesioni di non lieve entità (cd. macrolesioni), inteso nella sua componente, sia biologica sia morale, il ministro Urso ha affermato:

La Tabella Unica Nazionale per il risarcimento del danno non patrimoniale, attesa da ben 18 anni, è finalmente una realtà: garantirà alle vittime dei sinistri il diritto a un pieno ed equo risarcimento del danno subito. Un significativo passo in avanti verso maggiori certezze e una uniformità di trattamento, che andrà a beneficio sia dei consumatori che delle compagnie assicurative. Questo provvedimento si inserisce all’interno di un più ampio percorso di riforma strutturale del settore assicurativo quanto mai necessario: un atto di responsabilità nei confronti del nostro Paese, con l’obiettivo di garantire efficienza e sostenibilità al settore. Il Governo c’è!

E’ falso rappresentare la necessità dell’uniformità del trattamento risarcitorio, in quanto l’uniformità delle liquidazioni, in tema di macrolesioni, è già ampiamente ed adeguatamente garantita dalla c.d. Tabella di Milano cui, la Corte di Cassazione, in plurime sentenza, ha riconosciuto vocazione a livello nazionale, tanto che l’immotivata non applicazione della stessa è censurabile come vizio di legittimità della sentenza.

E’ falso affermare che l’adozione di tale nuova tabella porterà beneficio ai consumatori.

Ed invero la tabella di macrolesione, proseguendo verosimilmente quella già in uso per le micropermanenti (fino al 9%), si attesterà su valori del punto, strettamente biologico, inferiori a quelli oggi presenti nella tabella di Milano.

Inoltre se nella Tabella di Milano, gli aspetti non biologici concorrono con quello biologico nella determinazione del valore del punto (con una maggiorazione determinata del 50% della liquidazione del biologico puro), così che l’applicazione del valore indicato comporta il risarcimento standard di tutti gli aspetti del danno non patrimoniale, adesso probabilmente verrà indicata una forbice (in termini percentuali rispetto al valore del mero danno biologico) per risarcire in aggiunta gli altri aspetti del danno non patrimoniale . Non solo tale forbice avrà un’ampiezza sicuramente inferiore al al 50%, adesso garantito come standard dalla tabella del Tribunale di Milano, ma, lasciando l’applicazione alla mera discrezionalità (sia per quanto riguarda l’uso tout court sia l’individuazione della percentuale contenuta nella forbice), i liquidatori assicurativi probabilmente si limiteranno a corrispondere al danneggiato in fase stragiudiziale solo il valore puro del punto, senza procedere ad alcun aumento, rinviando così la vittima a richiedere l’integrale risarcimento in giudizio, ben sapendo che pochi potranno permettersi l’accesso alla giustizia.

Quindi a conti fatti si può prevedere che almeno nell’iniziale applicazione della nuova tabella le compagnie di assicurazioni tenderanno a sottostimare il danno anche oltre il 50% di quanto viene liquidato tranquillamente e pacificamente oggi. Le assicurazioni quindi prevedono ampi guadagni. Ed è questa l’unica verità detta dal Ministro: la riforma è sicuramente a beneficio delle assicurazioni.

Condividi:

Altri Articoli

Compila il form per maggiori informazioni

Nato il 29/07/1994 a Vicenza.
Consegue in data 06/2013 diploma in istituto tecnico.
É responsabile della gestione documentale delle varie posizioni, cura l’attività di cancelleria presso i vari uffici giudiziali, supporta i clienti nell’orientamento lungo i vari percorsi stragiudiziali.

Nato a Catanzaro in data 24 aprile 1969, consegue la maturità classica (voto 60/60) e la laurea in giurisprudenza presso l’Università di Padova (voto 105/110). Viene eletto per il biennio 1992/94 Segretario Nazionale della Fuci (Federazione Universitaria Cattolici Italiani).

Avvocato dal 1999, Cassazionista dal 2016, svolge la propria attività a livello nazionale, operando nell’ambito del diritto sostanziale e processuale civile, con particolare elezione per le tematiche relative alla responsabilità civile (sia in ambito contrattuale che extracontrattuale), alla tutela della persona e dei consumatori in generale (e sotto il profilo risarcitorio in particolare), al diritto del lavoro, al diritto delle assicurazione. Svolge inoltre assistenza a favore delle vittime nell’ambito delle procedure penali.

Ha deciso di non essere fiduciario di alcuna compagnia di assicurazione e/o banche, per non intaccare la propria opera di tutela nei confronti dei danneggiati e dei consumatori.

Ha collaborato, nel primo decennio del 2000, con Cittadinanzattiva Onlus, risultando membro: a) del gruppo studio “Assicurazioni ” del CNCU, istituito presso il Ministero delle Attività Produttive; b) del collegio del Nord Italia dei conciliatori istituito presso il gruppo Banca Intesa, c) del gruppo di studio istituito presso l’ANIA per l’emanazione del nuovo Codice delle Assicurazioni. Ha svolto corsi seminariali in tema assicurativo a livello nazionale, promossi e patrocinati dal Ministero delle Attività Produttive.

È stato relatore in diversi convegni giuridici di carattere nazionale.

Nata a Cosenza in data 29 settembre 1981, consegue il diploma di maturità al liceo scientifico (voto 100/100) e si laurea nel 2006, presso l’Università di Cosenza (UNICAL), in giurisprudenza (voto 108/110) discutendo una tesi nell’ambito del diritto del lavoro (“Il nuovo sistema di tutela contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali: Decreto Legislativo n. 38/2000′) e del diritto assicurativo (“Il sistema assicurativo sociale in ambito europeo”).

È avvocato dal 2009; fa parte dello studio dal 2013. Si occupa prevalentemente di diritto civile, sostanziale e processuale, diritto del lavoro, diritto di famiglia, procedure stragiudiziali e di mediazione. Nell’ambito della materia di elezione dello studio legale, si interessa in particolare degli istituti di responsabilità civile speciale, di quello di natura professionale, oltre alla tutela degli animali e dell’ambiente, a vantaggio del quale svolge anche attività di volontariato sociale.

È attiva nell’ambito del diritto di famiglia e della tutela dei minori, nonché della tutela dei diritti della persona in generale, dei consumatori e della proprietà intellettuale.

CONTATTACI

oppure chiama